A LA MUNTAGNA – Canzone Eugenio Bennato

Quanno fa notte a la muntagna
tremma ‘e paura la pecurella
si’ a vede ‘o lupo se la magna.

Pure p’ ‘o lupo ‘a vita è dura
quanno ‘o pastore le dà la caccia
e ‘a pecurella dorme sicura.

‘Ncopp’ ‘a muntagna ‘o cchiu feroce
mò nunn’è ‘o lupo, è o brigante
quanno ‘o vedite, faciteve ‘a croce.

‘Ncopp’ ‘a muntagna, quanno fa scuro
pure ‘o pastore mò nun trova pace,
sente nu canto che fa paura:
songo ‘e briganti ca se danno ‘a voce.

E chi ‘e cunosce, ‘o ssape buono
ca nun l’è mai piaciuto ‘o rre Burbone,
ma mò nun sape chest’ata storia
ca nun le piace manco ‘o rre e Savoia.

Se n’è fujuto ‘o rre Burbone
e n’è venuto n’ato cchiù putente
cagna ‘o guverno, cagna ‘o padrone,
sulo pe chi stà ‘a sotto nun cagna niente.

Chi nun l’accetta sta legge nova
A fare lu brigante ce fa la prova
ma si ce saglie. ‘ncoppa ‘a muntagna
‘a vita soja è comm’ ‘ a na cundanna.

Contro ‘e surdate ‘re Vittorio
mò c’è rimasto sulo sta paranza
ma nu brigante nun cagna ‘a storia
quanno cumbatte sulo, senza speranze.

E quanno ‘o pigliano ‘ncopp’ ‘a muntagna
more senza paura, senza rimpianto,
e quanno ‘e ppigliano dint’ ‘e paise
diceno: quanno è bello murire acciso.

—-> altro di : Eugenio Bennato



Lascia un commento