CHI E’ STEPHANIE CHARDON ?

Disegno sin dall’infanzia, su pezzi qualsiasi di carta, con tutto quello che mi capitava tra le mani.

Senza mai pensarne di farne un ‘mestiere’, fino ai diciannove anni, quando entro alla scuola di Belle Arti di Beaune.

Qui scopro la pittura e scultura.

Continuo poi con la ‘Scuola di Emilie Colh’ dove studio grafica, illustrazione, e le immagini animate.

Sono la pittura e la scultura a riempire poi la mia vita per ben venticinque anni.

Ispirata dai lavori di svariati artisti : Van Gogh, matisse, klimt, Picasso, i classici e gli impressionisti… e in letteratura da : Bukowski, Nabokov, Mérimée, Lovecraft, Marcel Aimé e dal genere fantastico più in generale.

Un giorno decido di creare una Galleria che terrò per circa tre anni esponendovi una quindicina di artisti.

Diventò poi con l’età professore d’arte, ma mi accorgo che i vari impegni cominciano pian piano a rubar sempre più tempo alla mia creazione artistica ; decido quindi di interrompere tutto solo per dedicarmi ad essa.

Due anni fa, infine, ho sentito il bisogno di tornare al disegno puro, forse stanca di lavorare con terra e pennelli ; o forse per il bisogno di ritrovare quell’immediatezza artistica che solo una matita e un foglio di carta sanno darmi.

Un lavoro quindi, oggi il mio, composto di sensazioni e sentimenti, dal desiderio e dalle sue contraddizioni… come fossi in un puro stato onirico, lasciandomi ispirare a volte da letture che faccio, immagini che vedo, o molto più sovente da mie personali impressioni : dall’interiore e dall’esteriore.

Oggi lavoro infatti con una biro multicolore, in quanto mi toglie facilmente dall’ansia della pagina bianca, strumento di cui apprezzo il lato ‘regressivo’ e le sorprendenti possibilità tecniche.

*IMMAGINI. 2 Opere che l’artista ha donato allo scrittore Andrea Giramundo per il suo libro IVRESSES DE JEUNESSE

*Stéphanie Chardon



Lascia un commento