Da ENDIMIONE di John Keats #poesia

LIBRO I

Una cosa bella è una gioia per sempre :
la sua grazia cresce ; mai scomparirà
nel nulla ; ma sembra in eterno
per noi un silente riparo e sonno
carico di dolci sogni e vigore e quieto respiro.
Ogni giorno intessiamo allora
una fiorita collana che ci leghi alla terra,
nonostante la disperazione, l’inesorabile assenza
di nobili spiriti, nonostante gli oscuri giorni
e tutte le malsane, annebbiate vie
create per la nostra ricerca : sì, nonostante tutto,
incantevoli forme fugano il manto funebre
dai nostri spiriti tetri. Così fa il sole, la luna
gli alberi antichi e i giovani, fiorenti di ombrose grazie
per l’umile gregge. Così i narcisi
con tutto il loro mondo verdeggiante ; e i chiari rivi
fresco albergo a se stesii
nella calda stagione ; e il rovo, nel cuore del bosco,
cosparso dalle tenere gemme della rosa muschiata :
e così anche i grandi destini
che immaginammo per i celebri scomparsi ;
tutte le belle storie che udimmo o leggemmo :
sorgente infinita di fluido immortale
versato su di noi dal ciglio del cielo.

E neppure tali essenza sentiamo
per un’unica breve ora ; no, come gli alberi
fruscianti attorno al tempio che diventano presto
cari quanto il tempio stesso, così la luna,
l’ardente poesia, le glorie infinite
ci inseguono finché non diventino luce gioiosa
per la nostra anima e a noi repentinamente legate,
nella luce o nella tetra oscurità,
per sempre resteranno, pena la morte.
(…)

——-> ALTRO DI : John Keats


Lascia un commento