da LA VOCE A TE DOVUTA – Pedro Salinas

XXXV.

I cieli sono uguali.
Azzurri, grigi, neri,
si ripetono sopra
l’arancio o la pietra:
guardarli ci avvicina.
Annullano le stelle,
tanto sono lontane,
le distanze del mondo.
Se noi vogliamo unirci,
non guardare mai avanti:tutto pieno di abissi,
di date e di leghe.
Abbandonati e galleggia
sopra il mare o l’erba,
immobile, il viso al cielo.
Ti sentirai calare
lenta, verso l’alto,
nella vita dell’aria.
E ci incontreremo
oltre le differenze
invincibili, sabbie,
rocce, anni, ormai soli,
nuotatori celesti,
naufraghi dei cieli.

——-> ALTRO DI : #PedroSalinas


Lascia un commento