I RACCONTI Julio Cortazar

Che la letteratura argentina abbia dato nuovo spazio vitale a un glorioso genere narrativo quale il racconto fantastico, è cosa nota. Dopo Borges, Julio Cortázar ha avuto, in questo, un ruolo preminente.

La caratteristica del suo modo di narrare è la precisione realistica in cui la trasfigurazione visionaria affonda le radici, dando vita a una galleria quasi metafisica di personaggi invisibili, dove il misterioso e l’irrazionale prendono corpo tra atmosfere popolari e ambienti altolocati, sullo sfondo di una Buenos Aires multiforme.

A cent’anni dalla nascita del grande scrittore argentino, una raccolta completa dei suoi racconti: un’introduzione all’opera di Cortázar, un “bestiario” di ossessioni, figure immaginarie, nate da una fantasia attica, eppure descritte con dolorosa determinazione.

“Molto di quanto ho scritto si colloca sotto il segno dell’eccentricità, dato che fra vivere e scrivere non ho mai ammesso una chiara differenza”,

dice di sé in un suo libro-almanacco Julio Cortázar, uno dei più alti esponenti della letteratura fantastica del nostro secolo. Viene qui proposta la raccolta di tutti i suoi romanzi e racconti, compresi quelli sparsi nei libri-almanacco, a cui si affiancano due raccolte tradotte per la prima volta in italiano e, in appendice, un primissimo libro di racconti, quasi una sorta di laboratorio pre-letterario dello scrittore

—– ALTRO DI : Julio Cortazar

 



Lascia un commento