IL TEATRO DI SABBATH – Philip Roth (Recensione Libro)

“Lui era il dimenticato burattinaio Mickey Sabbath, un uomo piccolo e tarchiato con la barba bianca e irritanti occhi verdi e dita tormentate dall’artrite deformante”: questa la presentazione che Philip Roth fa di un eroe che di eroico ha ben poco.

Un uomo brutto e anziano che ha perso le sue buone occasioni per sfondare nella vita: potrebbe essere un fallito, insomma.

Ma Sabbath non lo è affatto: a sessantaquattro anni, coltiva da più di un decennio un legame “di stupefacente impudicizia e altrettanto stupefacente riservatezza” con una donna slava che tradisce regolarmente; ha fondato il Teatro degli Innocenti, attirandosi critiche e antipatie e ha speso ogni sua energia nel tentativo di costruirsi una vita libera.

O almeno così crede.


Lascia un commento