NINO MANFREDI – Biografia

Nino Manfredi, all’anagrafe Saturnino Manfredi (Castro dei Volsci, 22 marzo 1921 – Roma, 4 giugno 2004), è stato un attore, regista, sceneggiatore e cantante italiano.

Interprete versatile e incisivo, tra i più validi e apprezzati del cinema italiano, nel corso della sua lunga carriera ha alternato ruoli comici e drammatici con notevole efficacia, ottenendo numerosi riconoscimenti. Con Alberto Sordi, Ugo Tognazzi e Vittorio Gassman, Manfredi è considerato uno dei “mostri” della commedia all’italiana (secondo la celebre definizione del critico Gian Piero Brunetta, un quartetto al quale, dagli anni sessanta, è generalmente accostato anche Marcello Mastroianni).

Nacque il 22 marzo del 1921 a Castro dei Volsci, un piccolo paese ciociaro, in quella che fino al 1927 era la provincia di Terra di Lavoro (attualmente la località si trova in provincia di Frosinone). I suoi genitori Romeo Manfredi e Antonina Perfili erano entrambi di origini contadine.

Il padre, arruolato in Pubblica Sicurezza, dove raggiunge il grado di maresciallo, nei primi anni trenta venne trasferito a Roma, dove Nino e il fratello minore Dante trascorrono l’infanzia nel popolare quartiere di San Giovanni (Via Pozzuoli 7 ) e frequentano le scuole secondarie. Dopo le scuole medie Nino si iscrive come semiconvittore al Collegio Santa Maria, da dove scappa varie volte, finché è costretto a proseguire gli studi da privatista. Nel 1937 si ammala gravemente di tubercolosi e resta a lungo in sanatorio. Qui impara a suonare un banjo da lui stesso costruito ed entra nel complessino a plettro dell’ospedale e dopo un’esibizione, nello stesso sanatorio, della compagnia di Vittorio De Sica, cominciò ad innamorarsi dell’arte della recitazione.

Per accontentare la famiglia nell’ottobre del 1941 si iscrive alla facoltà di giurisprudenza, ma già nello stesso anno dimostra interesse e una propensione per il palcoscenico, esordendo come presentatore e attore nel teatrino della parrocchia della Natività in via Gallia.

Dopo l’8 settembre 1943, per evitare l’arruolamento, si rifugia per un anno con il fratello in montagna, sopra Cassino; rientrato a Roma nel 1944 riprende gli studi universitari e, contemporaneamente, si iscrive all’Accademia nazionale d’arte drammatica. Nell’ottobre del 1945 si laurea con una tesi in diritto penale(93 punti su 110), senza mai esercitare la professione, e nel giugno del 1947 si diploma all’Accademia. Nell’autunno dello stesso anno fa i suoi esordi al Teatro Piccolo di Roma, sotto la direzione del suo maestro Orazio Costa, nella Compagnia Maltagliati-Gassman, affiancato da Tino Buazzelli, recitando in testi perlopiù drammatici, in molti casi allestiti in prima assoluta per l’Italia, come Liliom di Ferenc Molnár, L’aquila a due teste di Jean Cocteau, Casa Monestier di Denis Amiel, Erano tutti miei figli di Arthur Millere Scontro nella notte di Eugene Gladstone O’Neill.

Nella stagione 1948-1949 recita al Piccolo Teatro di Milano, sotto la regia di Giorgio Strehler, nei drammi shakespeariani Romeo e Giulietta, La tempesta e Riccardo II, insieme a grandi attori di prosa del calibro di Giorgio De Lullo, Edda Albertini e Lilla Brignone. Nella stagione 1952-1953 collabora col grande drammaturgo Eduardo De Filippo, portando in scena al Teatro Eliseo di Roma tre suoi atti unici, Amicizia, I morti non fanno paura e Il successo del giorno, recitandoli insieme con Paolo Panelli e Bice Valori.
Abbandonata la prosa, a partire dal 1951, insieme ai suoi compagni di studio Paolo Ferrari e Gianni Bonagura, forma un terzetto che si esibisce con successo dapprima nei varietà radiofonici e quindi in molti spettacoli del teatro di rivista e della commedia musicale, a partire dalla stagione 1953-1954 con Tre per tre… Nava di Marcello Marchesi, insieme alle sorelle Nava, quindi nella stagione 1954-1955 con Festival di Age, Scarpelli, Marcello Marchesi, Dino Verde e Orio Vergani, e infine nella stagione 1956-1957 con Gli italiani sono fatti così di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Dino Verde, insieme alla coppia “Billi e Riva” e a Wanda Osiris.

In quegli anni lavora anche con Corrado. I suoi due più significativi successi sul palcoscenico li ottiene comunque più avanti, nelle commedie musicali Un trapezio per Lisistrata di Garinei e Giovannini (1958), accanto a Delia Scala, e, soprattutto, nel Rugantino sempre di Garinei e Giovannini (1962), insieme ad Aldo Fabrizi e Bice Valori, notevolmente apprezzato anche in tournée negli Stati Uniti d’America.

Nel frattempo si aggiunge alle altre l’esperienza, poi prevalente, del cinema, in cui Manfredi debutta nel 1949 con Torna a Napoli di Domenico Gambino, proseguendo con altri due film musical-sentimentali in chiave napoletana, Monastero di Santa Chiara di Mario Sequi (1949) e Anema e core di Mario Mattoli(1951), e passando poi alla commedia sentimental-popolare.

Nel 1955 partecipa per la prima volta a due film di rilievo, Gli innamorati di Mauro Bolognini e Lo scapolo di Antonio Pietrangeli. Il 14 luglio dello stesso anno sposa l’indossatrice Erminia Ferrari, dalla quale avrà tre figli: Roberta nel 1956, Luca nel 1958 e Giovanna nel 1961. Altri ruoli cinematografici da ricordare in questo primo periodo sono quello dell’amico che aiuta Teddy Reno a trovare una soubrette teatrale conosciuta a Napoli nel film Totò, Peppino e la… malafemmina diretto da Camillo Mastrocinque (1956) e i suoi primissimi ruoli da protagonista nelle commedie Caporale di giornata di Carlo Ludovico Bragaglia e Carmela è una bambola di Gianni Puccini, entrambe del 1958.

Sul piccolo schermo appare per la prima volta nel 1956, nello sceneggiato L’Alfiere diretto da Anton Giulio Majano, ma è nel 1959 (annata chiave della sua carriera) che ottiene un importante successo di pubblico con la sua partecipazione a Canzonissima, con la regia di Antonello Falqui, accanto a Delia Scala, Paolo Panelli e il ballerino e coreografostatunitense Don Lurio. In questa trasmissione crea la macchietta di “Bastiano, il barista di Ceccano”, la cui battutatormentone “Fusse che fusse la vorta bbona” (soprattutto come invito all’acquisto del biglietto della lotteria) entrerà nel linguaggio comune. Riesce persino a convincere l’amico Marcello Mastroianni, ciociaro anch’egli, notoriamente restio ad apparire in televisione, a esibirsi in una scenetta insieme a lui.

Parallelamente all’attività attoriale, si cimenta anche come doppiatore, prestando la propria voce, tra gli altri, a Robert Mitchum in Sette settimane di guai (Johnny Doesn’t Live Here Anymore) di Joe May (1944), a Bud Abbott in Africa strilla, a Earl Holliman ne Il pianeta proibito (Forbidden Planet) di Fred M. Wilcox (1956), quindi al francese Gérard Philipe e, tra gli italiani, a Franco Fabrizi ne I vitelloni di Federico Fellini (1953), a Sergio Raimondi in Piccola posta di Steno (1955), ad Antonio Cifariello ne La bella di Roma di Luigi Comencini (1955), a Renato Salvatori ne La domenica della buona gente di Anton Giulio Majano (1953) e a Marcello Mastroianni in Parigi è sempre Parigi di Luciano Emmer (1951).

Sull’onda del suo successo televisivo in Canzonissima 1959, nello stesso anno venne chiamato nella parte del meccanico Piedeamaro in Audace colpo dei soliti ignoti di Nanni Loy, sequel del fortunato I soliti ignoti diretto da Mario Monicelli l’anno precedente, rispetto al quale in pratica si trova a sostituire lo stesso Mastroianni nella parte del “tecnico” della sgangherata banda di ladri. Venne inoltre chiamato a prestare la sua voce, con la cadenza ciociara del “barista di Ceccano”, come narratore fuori campo, nel film di Mario Mattoli Totò, Fabrizi e i giovani d’oggi (1960).

Sempre dal 1960, a partire dal ruolo da protagonista sostenuto nel film L’impiegato diretto da Gianni Puccini, diventa una delle colonne portanti della commedia all’italiana. Convince non soltanto in parti comiche o brillanti, ma anche come attore drammatico. I personaggi che interpreta sono uomini fondamentalmente ottimisti, in possesso di una loro dignità e moralità, destinati inevitabilmente alla sconfitta ma non umiliati; grazie alle loro doti di amara ironia, sono spesso in grado di sovrastare il prepotente e ipotetico vincitore.

Interpreta così il rappresentante scambiato per gerarca fascista in Gli anni ruggenti (1962) di Luigi Zampa, il cittadino distrutto da una burocrazia impietosa in Made in Italy (1965), ancora di Nanni Loy, e il cognato dell’editore Alberto Sordi, disilluso dalla civiltà consumistica e diventato stregone in Africa in Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa? di Ettore Scola (1968); nello stesso anno appare in compagnia di uno strepitoso Ugo Tognazzi nel film Straziami ma di baci saziami diretto da Dino Risi.

Nel 1969 lo si ritrova protagonista della commedia a episodi Vedo nudo, sempre sotto la regia di Risi, in cui spicca la sua interpretazione di un timido travestito. Nello stesso anno interpreta il calzolaio (convivente more uxorio con una donna ebrea) che alla fine si rivela essere Pasquino, l’autore di invettive in rima contro il Papa nel film Nell’anno del Signore di Luigi Magni: sempre sotto la regia di quest’ultimo, seguirà otto anni dopo l’amara interpretazione di un prelato ne In nome del Papa Re.

Nel 1971 interpreta invece in Trastevere – unico film diretto dall’attore Fausto Tozzi – uno squattrinato artista psichedelico ex-agente della polizia della squadra narcotici, lavoro che gli ha procurato la dipendenza dalla droga: in questa pellicola si riconosce già la struttura della vita e del popolo trasteverino odierno. Nel 1972 è Girolimoni, nell’omonimo film drammatico.

Nel 1974 interpreta invece l’emigrante italiano in Svizzera costretto a tingersi i capelli di biondo in Pane e cioccolata di Franco Brusati e il portantino d’ospedale idealista in C’eravamo tanto amati, che segna il suo ritorno sotto la regia di Ettore Scola insieme a Brutti, sporchi e cattivi di due anni dopo. Da ricordare anche l’interpretazione del venditore abusivo di caffè sui treni Michele Abbagnano in Café Express (1980), nuovamente di Nanni Loy: a detta di molti la sua interpretazione più intensa e sofferta.


Eleonora Giorgi e Manfredi sul set di Nudo di donna (1981), film da lui anche diretto.
Nel 1962 debutta anche dietro la macchina da presa con L’avventura di un soldato, un episodio del film L’amore difficiletratto dall’omonima novella di Italo Calvino, una storia che descrive lo sbocciare di un amore tra un soldato e una vedova nello scompartimento di un treno, tutto giocato sul silenzio e sulla mimica. La sua seconda regia è l’autobiografico lungometraggio Per grazia ricevuta (1971), col quale si aggiudica la Palma d’oro per la miglior opera prima al Festival di Cannes e un Nastro d’argento per il miglior soggetto: il film, oltre al successo di critica, è il più visto della stagione. Ne dirigerà un terzo nel 1981, Nudo di donna, ereditandone anche il tema da Alberto Lattuada che lo aveva iniziato, sulla crisi d’identità di un uomo che scopre una sosia perfetta della moglie dal carattere allegro e disinibito, mentre la consorte è seria e posata.

Sul palcoscenico rientra alla fine degli anni ottanta da protagonista delle commedie, da lui anche scritte e dirette, Gente di facili costumi (1988) e Viva gli sposi! (1989, originariamente pensato per una trasposizione cinematografica), in seguito portati più volte in tournée anche nel decennio successivo.

La sua prudenza nell’affrontare argomenti religiosi, rappresentando i tormenti intimi dei protagonisti senza risultare eccessivamente provocatorio, attirando simpatie da parte di tutti (sia cattolici che anticlericali) verso i propri personaggi, gli valse la stima e l’invito di papa Giovanni Paolo II alla rappresentazione in Vaticano di una commedia giovanile scritta dallo stesso Papa. Richiesto di un parere dal pontefice, Manfredi osservò, con una certa riluttanza, che come scrittore teatrale era stato un bene che non avesse proseguito a scrivere altrimenti avremmo perso un grande Papa. Il pontefice accolse il commento con grandi risate (dall’intervista televisiva alla moglie di Manfredi “Io lo conoscevo bene” trasmessa in replica da Raitre il 17 giugno 2007).

Nino Manfredi impersona Geppetto ne Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini (1971)
Sul piccolo schermo fa il suo rientro nel 1971, quando interpreta Geppetto, il padre di Pinocchio nello sceneggiato televisivo Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini. Dal 1990 in poi interpreta numerose fiction televisive dirette perlopiù dal genero Alberto Simone e dal figlio Luca; sono sempre personaggi carichi di notevole umanità, come il commissario Franco Amidei di Un commissario a Roma (1993) e, soprattutto, come il brigadiere Saturnino Fogliani nella serie televisiva Linda e il brigadiere (1997-2000), accanto a Claudia Koll nella prima e nella seconda serie e a Caterina Deregibus nella terza.

Molto attivo alla radio, ospite d’onore in trasmissioni di ogni genere, si è esibito, con successo, anche come cantante: nel 1970 la sua versione del classico brano di Ettore Petrolini Tanto pe’ cantà (risalente al 1932) raggiunge le primissime posizioni della hit parade. Più avanti, ottengono successo anche Me pizzica… me mozzica, tratta dal suo film Per grazia ricevuta (1971) e, nello stesso anno, M’è nata all’improvviso ‘na canzone, quindi Tarzan lo fa (1978), La pennichella (1980), La frittata, cantata come ospite al Festival di Sanremo 1982, e Canzone pulita, eseguita come ospite al Festival di Sanremo 1983 accompagnato da cinquanta bambini. Nello stesso anno canta la canzone Che bello sta’ con te, inserita come colonna sonora (nei titoli di coda) del film Questo e quello di Sergio Corbucci.

Notevole popolarità Manfredi ha trovato anche come testimonial pubblicitario. Esordisce nel 1957 con una serie di Caroselli per i Baci Perugina e per le Caramelle Rossana, e da allora è una presenza praticamente fissa del genere. Tra i Caroselli più noti, quelli per la Pizzaiola Locatelli, per la quale, nel 1961, ha interpretato, al fianco di Giovanna Ralli, la serie Ufficio ricerche idee originali televisive, scritta da Garinei e Giovannini, dove i due attori impersonano due creativi alla ricerca di un’idea pubblicitaria originale, e quello per la Philco, per la quale ha interpretato, tra il 1963 e il 1965, una lunga serie dal titolo L’audace colpo del solito ignoto, che riprende temi e situazioni dei quasi omonimi film di Monicelli e Loy e propone un Manfredi ladro pasticcione e sfortunato.

In questo ambito ottiene il maggiore successo grazie al lungo sodalizio con la Lavazza, per la quale Manfredi è protagonista dal 1977 al 1993 (diretto prima dal regista Luciano Emmer e dal 1982 in poi dal figlio, Luca Manfredi) accanto alla nonna Nerina Montagnani e poi anche alla colf Gegia, in una lunga serie di popolari spot pubblicitari dove renderà popolari i due noti slogan “Più lo mandi giù e più ti tira su!” e “Il caffè è un piacere, se non è buono che piacere è?”. Tra gli ultimi impegni, particolare rilievo assume l’essere stato scelto, nel 1999, per promuovere, attraverso una serie di spot finanziati dal Ministero del Tesoro, il cambio di moneta dalla lira all’euro. Nel 1999 incide Non lasciare Roma, brano dalla storia bizzarra: inizia a metà anni ’70 con Mario Panzeri che la ideò e che a fine anni ’80 la sviluppò coinvolgendo Grottoli e Vaschetti, ma rimase poi incompiuta. Nel 1997 Franco Fasano se ne innamorò e la completò affidando l’arrangiamento a Claudio Zitti che la fece ascoltare a Nino Manfredi, il quale la volle immediatamente registrare. La canzone venne pubblicata, infine, il 16 dicembre 2014.

Nel 1992, in occasione delle elezioni politiche, Manfredi dà per qualche giorno l’impressione di aver accettato una candidatura alla Camera dei deputati con la Lista Marco Pannella. A detta dello stesso Manfredi, anni prima, aveva rifiutato un’offerta simile da parte di Enrico Berlinguer. Pochi giorni dopo, però, vi è un ripensamento da parte dell’attore, il quale rinuncia in extremis ad intraprendere la carriera politica nei Radicali. Nel 1970, insieme a Gianni Bonagura, Manfredi aveva anche inciso un disco di propaganda per il Partito Socialista Italiano

L’ultimo suo ruolo fu quello di Galapago nel film, uscito postumo, La fine di un mistero (La luz prodigiosa), diretto da Miguel Hermoso. Manfredi interpreta uno sconosciuto privo di memoria, salvato dalla morte da un pastorello durante la guerra civile spagnola del 1936 e ricoverato per quarant’anni in un manicomio; alla fine, grazie ad alcune ricerche, si scopre la sua identità: quella del poeta Federico García Lorca, che la pellicola immagina miracolosamente sopravvissuto alla fucilazione ad opera dei franchisti. Si trattò di un’interpretazione lodata dalla critica: asciutta, scarna ed essenziale, quasi senza parole, fatta soltanto di sguardi fissi, che gli è valso il Premio alla carriera intitolato a Pietro Bianchi.

Il 7 luglio 2003, subito dopo la fine delle riprese, venne colpito da un ictus nella sua casa romana. Le condizioni si presentarono sin da subito gravi, e venne trasportato d’urgenza all’ospedale Santo Spirito. A settembre un netto miglioramento gli permise il ritorno a casa, ma a dicembre venne colpito da una nuova emorragia cerebrale. Ricoverato questa volta presso l’ospedale Nuova Regina Margherita, non si riprenderà mai più completamente, trascorrendo sei mesi in una continua alternanza di miglioramenti e peggioramenti. Morì a ottantatré anni il 4 giugno 2004, un anno e quattro mesi dopo Alberto Sordi.

Pur essendo ateo dichiarato, ebbe funerali religiosi. Dopo il funerale, celebrato alla Chiesa degli Artisti in Piazza del Popolo a Roma, alla presenza di circa 2000 persone tra volti noti della politica e dello spettacolo e gente comune, l’attore venne sepolto al Cimitero del Verano di Roma.

*FONTE: Wikipedia.org

Lascia un commento