NON BISOGNA DIMENTICARE GLI ANZIANI – Muriel Barbery

1465366_10151746888625264_195597542_nNon bisogna dimenticare i vecchi con i corpi putrefatti,i vecchi vicinissimi a quella morte a cui i giovani non vogliono pensare ( e così affidano alla casa di riposo il compito di accompagnare i genitori alla morte per evitare scenate o seccature ), la gioia inesistente di quelle ultime ore che bisognerebbe gustare fino in fondo, e che invece subisci rimuginando nella noia e nell’amarezza.

Non bisogna dimenticare che il corpo deperisce, che gli amici muoiono, che tutti ti dimenticano e che la fine è solitudine.

E neppure bisogna dimenticare che quei vecchi sono stati giovani, che il tempo di una vita è irrisorio, che un giorno hai vent’anni e il giorno dopo ottanta.

Io ho capito molto presto che la vita passa in un baleno guardando gli adulti intorno a me, sempre di fretta, stressati dalle scadenze, così avidi dell’oggi per non pensare al domani… in realtà temiamo il domani solo perché non sappiano costruire il presente, e quando non sappiamo costruire il presente ci illudiamo che saremo capaci di farlo domani, e rimaniamo fregati perché il domani finisce sempre per diventare oggi, non so se ho reso l’idea.

Quindi non bisogna affatto dimenticare.

Occorre vivere con la certezza che invecchieremo e che non sarà né bello né piacevole né allegro. E ripetersi che ciò che conta è adesso: costruire, ora, qualcosa, a ogni costo, con tutte le nostre forze.

Avere sempre in testa la casa di riposo per superarsi continuamente e rende ogni giorno imperituro. Scalare passo dopo passo il proprio Everest personale, e farlo in modo tale che ogni passo sia un pezzetto di eternità.

Ecco a cosa serve il futuro: a costruire il presente con veri progetti di vita.

Tratto da ‘Leleganza del riccio’ di Muriel Barbery 

*foto di Marcelo

.



Lascia un commento