RACCONTI SURREALISTI E SATIRICI – Alberto Moravia (Recensione Libro)

Questi racconti, quasi tutti composti negli anni tra il 1935 e il 1945, rappresentano una stagione molto precisa nell‛opera di Alberto Moravia.?

Erano gli anni in cui più pesante e più capillare si esercitava il controllo della dittatura: quasi insensibilmente l‛autore fu portato a servirsi della satira, della moralità, dell‛apologo, dell‛allegoria per dire quello che pensava sulla realtà in cui si trovava a vivere.

Era questa una delle due sole maniere di esprimersi consentite dalla dittatura; l‛altra era l‛evasione nell‛ermetismo e nella buona letteratura.

Perciò, sebbene i racconti siano di vari generi e siano scritti sui più diversi pretesti, hanno un fondo comune e anche una forma unitaria che fanno della presente raccolta un suo libro per nulla frammentario e occasionale: un libro che non ha origine letteraria, bensì sentimentale, di esperienza sofferta e umana.

*Alberto Moravia – Opere complete


Lascia un commento