CANZONETTA di Czestaw Mitosz


 

Qualunque sia il dolore, il dolore crescerà.

La notte è nera, ma sarà più nera ancora.

Può dirsi fortunato chi se n’è andato già.

Perciò le cose umane non prenderti a cuore.

La sorte era diritta, ma si torcerà.

L’acqua limpida verrà inquinata.

Al savio in sorte l’infelicità,

Allo stolto la gioia avvelenata.

La stella spunterà ed è già svanita.

Anni vuoti riempiti dall’attesa.

Ciò che è caduto marcirà per terra.

E la bellezza in fiele convertita.

-1980-

 *Testo:  POESIE di Czestaw Mitosz

Lascia un commento