CENTO QUARTINE – Patrizia Valduga (Poesia erotica)

17.

Fa’ presto, immobilizzami le braccia,
crocefiggimi, inchiodami al tuo letto;
consolami, accarezzami la faccia;
scopami quando meno me l’aspetto.

 

56.

Poi urlavo le mie preghiere a Dio,
che manda te nei miei giorni protervi…
Ma solo se sarai molto più mio
saprò amarti col cuore e non coi nervi.

 

94.

Perché su noi ritorni questo giorno
e faccia presto un patto con la morte
e perché faccia presto a far ritorno
stringimi forte, stringimi più forte…

*Patriza Valduga, da CENTO QUARTINE



Lascia un commento