GENIA, FRASI E INCISI DI UN CANTO SALUTARE – 3 poesie di Mario Luzi

Profeti intimamente, angeli
ciascuno di sé.

Li fece tali

fiorendo nell’oscurità
quell’astro o quella meteora ?

Lo negano

forse, essi, ma non lo ignorano.
E di questo soffrono, di questo
ineffabilmente si tormentano.

COMPRA LA RACCOLTA COMPLETA DELLE POESIE DI Mario Luzi in un CLICK

Luoghi della mia anima – li ho,
ora, di fronte,

nudi,

nitidi come lei non è,
seppure lo desideri
molto, molto sopra se medesima
si levi talora a diventarlo…
Potessi inquele azzurre cune
rientrare,

in quella

montuosità infinita
ancora

maternamente essere preso…

ma senza questo crepacuore, prego,
né questa inarginata
esondazione di dolore.

———————————————————-

Non è nuovo,

sa lei, sa l’esperienza

che un senso ultravagante

eppure ancora umano

ci sembra

incroci nell’etere talvolta
la potenza dei fulmini

integra, non ancora esplosa
e diruta nelle sue scariche –
così

anche ritrova
nelle sue cavità

parole la memoria

dense di rappresa forza,
semi pieni

graniti a ogni possente

futura spigatura

com’erano

prima d’essere
state dette…

Delira, vorrebbe il desiderio
a prima del principio
dove covano gli eventi
impetuosamente ritornare…
Ma intanto
(non può essere male,
non lo credo, non lo penso)
i segni hanno nel tempo
affondato il loro vomere,ùda labbra dure o timide
chiare o furtivamente
le parole hanno dettato,
hanno, hanno recitato,
le promesse svelato
nocciolo e sostanza
nella rissa e nel tormento.
Niente è come se non fosse stato.
Niente assolutamente.

*Mario Luzi




Lascia un commento