IL SAPERE MODERNO secondo Montaigne

 Noi non lavoriamo che a riempire la memoria e lasciamo l’intelletto e la coscienza vuoti. Così come gli uccelli van qualche volta alla ricerca del grano e lo portano nel becco, senza assaggiarlo, ai loro piccini, i nostri pedanti vanno spigolando la scienza nei libri e non la tengono che nella punta della lingua solo per vomitarla e gettarla al vento…

Ma, quel che è peggio, gli scolari e i figlioli dei pedanti non se ne nutrono né se ne alimentano di più; così essa passa di mano in mano al solo scopo di essere messa in mostra, di intrattenere gli altri e di farne dei racconti, come una vana moneta inutile ad ogni altro scopo e buona solo a essere contata e buttata via.

Noi custodiamo le opinioni e il sapere altrui ed è tutto;

Bisogna invece farli nostri.

Noi facciamo come colui che, avendo bisogno del fuoco, ne andasse a cercare dal suo vicino, e, avendone trovato uno bello e grande, si fermasse là a riscaldarsi senza ricordarsi più di portarne a casa sua.

Che cosa importa avere lo stomaco pieno di cibo se non lo digeriamo, se non lo assimiliamo, se non ci aumenta e ci rinforza?

Piacesse a Dio che per il bene della nostra giustizia quelle assemblee si trovassero altrettanto fornite di intelligenza e di coscienza come lo sono anche di scienza!

Non per la vita, ma per la scuola, impariamo.

Ora il sapere non deve essere appiccicato all’animo ma deve immedesimarsi con quello; non basta che l’anima ne sia spruzzata, bisogna che se ne colori, e se esso non la muta e non migliora la sua condizione imperfetta, certamente è molto meglio lasciarlo stare;

E’ un arma pericolosa e che impaccia e che ferisce il suo padrone se si trova in una mano debole che non ne conosca l’uso;

Così che sarebbe stato meglio non aver imparato nulla.

E se questo scopo di arricchirsi, che solo oggi ci viene proposto per mezzo della giurisprudenza, della medicina, della pedagogia, e anche della teologia, non le accreditasse, le vedreste senza dubbio così povere come non furono mai.

Che peccato che non ci insegnano né a pensare né a ben fare! Da quando son comparsi i dotti, son scomparsi i buoni.

Ogni altra scienza è dannosa a chi non possieda quella della bontà.

Da ‘Il piacere della virtù’ di Montaigne

.

.

LEGGI ALTRO



Lascia un commento