SEDUTTORE di Herman Hesse

graffiti bacio amoreHo aspettato davanti a molte porte,

a molte orecchie un canto ho mormorato,

volli sedurre molte belle donne,

con alcune il successo mi è toccato.

E sempre, se una bocca si arrendeva,

se l’ardore era sazio, una beata

fantasia nella tomba discendeva,

e avevo solo carne nella mano frustrata.

Il bacio domandato con passione,

la notte lungamente, febbrilmente inseguita,

infine erano miei – come un fiore spezzato,

senza profumo, la beltà fuggita.

Da più di un letto mi levai soffrendo,

la voluttà mi parve un’abitudine,

desiderai, fuggendo dal piacere,

il sogno, il desiderio e la mia solitudine.

Mia dannazione, che giammai mi appaghi

il possesso, che il sogno fabbricato

da me per lei distrugga,

all’apparenza estatico, beato!

Esitando la mano si tende a nuovi fiori,

ad altre orecchie intono il canto oramai…

Bella donna difenditi, sta’ chiusa nella veste!

Deliziami, torturami – non esaudirmi mai!

‘SEDUTTORE’ di Herman Hesse




Lascia un commento